giovedì 19 ottobre 2017

il massacro dei Romanov nel 1918


L'ultimo viaggio, da Zarskoe Selo a Tobolsk fino a Ekaterinburg, nel cuore degli Urali. 
La storia della dinastia Romanov finisce all'interno di Casa Ipatev, una palazzina che i bolscevichi hanno requisito al proprietario per trasformarla in prigione. L'esecuzione avviene nella notte tra il 16 e il 17 luglio 1918, nel seminterrato. Oggi al posto di quella casa c'è una chiesa, la Cattedrale sul sangue, dove i fedeli ricordano i membri della famiglia imperiale, come se fossero già santi. La storia tormentata dei loro corpi prosegue nei boschi intorno ad Ekaterinburg tra monasteri, croci di ferro e fosse tra i prati. Un mistero che ci riporta, alla fine, dove tutto è cominciato: a San Pietroburgo


Ezio Mauro racconta

LA RIVOLUZIONE RUSSA